OPERA

 

 

MARIA OLIVARES (2008-2009) opera lirica in un Prologo e 4 Quadri per soli, coro e orchestra

[libretto di Monica Sanfilippo]

(durata: 80 minuti circa)

Commissione del Teatro 'Alfonso Rendano' di Cosenza

 

 

Personaggi principali:

 

Maria Olivares, mezzosoprano

Teresa Olivares (sorella di Maria), soprano

Michele Falcone, tenore

Pietro Monaco (marito di Maria e capo dei briganti), baritono

Salvatore De Marco (brigante, braccio destro di Pietro), basso

 

Briganti, carcerieri e corte del tribunale, coro

Uomini e donne del popolo, coro e ballerini

 

LEGGI LA SINOSSI

 

Struttura dell'opera (in un atto, senza soluzione di continuità)

 

1. Preludio

2. Prologo  (Maria e carcerieri)

3. Intermezzo

4. Quadro I - Scena I  (Teresa e Pietro)

5. Quadro I - Scena II  (Maria, Teresa e Pietro)

6. Interludio

7. Tarantella  (uomini e donne del popolo)

8. Quadro II - Scena I  (Maria e Pietro, poi Salvatore)

9. Quadro II - Scena II  (Maria e Michele)

10. Interludio

11. Quadro III - Scena I  (Maria e Pietro, poi briganti)

12. Quadro III - Scena II (Maria, poi briganti)

13. Intermezzo

14. Quadro IV - Scena I  (Maria, Michele e corte del tribunale)

15. Quadro IV - Scena II  (Maria e Michele, poi Maria sola)

 

 

Anteprima in forma di concerto

 

LEGGI LA PRESENTAZIONE

 

 

Prologo

 

Quadro IV  -  Scena I

 

Quadro IV  -  Scena II

 

Stefania Scolastici, mezzosoprano

Francesco Zingariello, tenore

 

Coro Lirico Alfonso Rendano

maestro del coro: Pasquale Menchise

 

Orchestra Philharmonia Mediterranea

direttore e concertatore: Daniele Agiman

 

Cosenza - Teatro 'Alfonso Rendano'

venerdì 20 novembre 2009 - ore 20:30

domenica 22 novembre 2009 - ore 17:00

 

(in occasione delle celebrazioni per il centenario del teatro cosentino)

 

Locandina - fai click per ingrandire

 

 


 

Dall'opera è stata tratta una suite composta da 4 brani intitolata:

QUATTRO INTERLUDI DALL'OPERA 'MARIA OLIVARES' (2011) per orchestra da camera

(durata ca. 16 minuti)

Interludio n. 1 "Perché non torna la dolce infanzia..."  (dal Quadro I)

Interludio n. 2 "Vita da briganti"  (dal Quadro II)

Interludio n. 3 "Cuore di terra aspra (tema di Maria)"  (dal Quadro III)

Interludio n. 4 "La sentenza"  (dal Quadro IV)

La suite è stata eseguita dall'Orchestra 'La Grecìa' della Provincia di Catanzaro diretta da Vito Cristofaro l'8 ottobre 2011 in occasione del Concerto dei Premiati del XXXV Concorso di esecuzione musicale 'Francesco Cilea' di Palmi.

 

INTERLUDIO n.1 «Perché non torna la dolce infanzia...»

(dal Quadro I)

Andante Cantabile

Questo brano è ricavato dall'Interludio che collega il Quadro I al Quadro II dell'opera Maria Olivares, e sviluppa il tema dell'aria che Teresa (soprano, la sorella della protagonista) canta nella Scena I del Quadro I interrompendo momentaneamente il suo duetto con Pietro (baritono).

 

INTERLUDIO n.2 «Vita da briganti»

(dal Quadro II)

Con moto

Il brano corrisponde all'Interludio che nell'opera collega il Quadro II al Quadro III. Inizia con una reminiscenza del duetto appassionato fra Maria (mezzosoprano) e Michele (tenore), e prosegue con un incupirsi del clima espressivo che preannuncia i tragici eventi che caratterizzeranno il Quadro III (l'uccisione di Pietro e la successiva cattura di Maria).

 

INTERLUDIO n.3 «Cuore di terra aspra»

(tema di Maria - Quadro III)

Andante molto espressivo

Questo brano combina insieme il tema di Maria, che compare più volte nell'opera (viene qui presentato all'inizio, e ripreso poi alla fine), e l'aria più importante dell'opera, che la protagonista canta nella Scena II del Quadro III, e che viene ripresa dall'orchestra nell'Interludio che collega il Quadro III al Quadro IV.

 

INTERLUDIO n.4 «La sentenza»

(dal Quadro IV)

Moderato

Il brano è ricavato dalla Scena I del Quadro IV dell'opera Maria Olivares: nella cupa atmosfera del Processo, e in un crescendo di tensione e di angoscia, vengono letti prima i capi di imputazione, e quindi pronunciata la sentenza di morte. L'Interludio termina con l'episodio conclusivo dell'opera, in cui Maria accetta serenamente il proprio inevitabile destino e va incontro alla morte.

 

 

 

 

 

 

© Copyright by Domenico Giannetta. All rights reserved - www.domenicogiannetta.it